Natura e biodiversità

Natura e biodiversità

La perdita della biodiversità costituisce una delle minacce più gravi per la sopravvivenza della vita sulla Terra. Questo fenomeno accresce il rischio di mutamenti irreversibili, mina lo sviluppo economico e la resilienza delle nostre società di fronte a nuove sfide. Fra le principali cause della costante riduzione della varietà delle specie ci sono la crescita demografica, il consumo di suolo e la frammentazione degli habitat, i cambiamenti climatici, l'inquinamento, l'introduzione di specie invasive. La nuova consapevolezza sull'importanza di questo "capitale naturale", dei servizi eco sistemici che ne derivano e da cui dipendiamo, si è tradotta in innovativi interventi cui guardare per contribuire a contrastarne il declino.


Per maggiori approfondimenti sul tema Natura e biodiversità clicca qui.

  DESCRIZIONE Abbandonate – accidentalmente o intenzionalmente – e trasportate dalle correnti nell’ambiente marino senza subire sostanziale biodegradazione, le cosiddette “reti fantasma” possono continuare a pescare senza alcun controllo anche per periodi prolungati intrappolando non solo pesci, ma anche molte specie di animali marini protetti, come le tartarughe. Gli uccelli marini che si tuffano per predare le carcasse dei pesci impigliati possono rimanere a loro volta avviluppati...
  DESCRIZIONE Il progetto CRAINat ha avuto come finalità principale la realizzazione di specifiche azioni di tutela e conservazione dell’Austropotamobius pallipes, comunemente chiamato gambero di fiume. Gli elementi di pressione sulla specie, ad alta priorità di conservazione essendo inserita negli Allegati II e V della Direttiva 92/43/CEE “Habitat”, sono quelli che, singolarmente o in sinergia tra loro, rappresentano le minacce concrete alla sopravvivenza della specie: diffusione...
  DESCRIZIONE DEL PROGETTO Le infrastrutture viarie rappresentano una seria minaccia alla conservazione della biodiversità in quanto causa di degrado e frammentazione degli habitat, fonte di disturbo e inquinamento, ostacolo ai movimenti e alla diffusione della fauna. Sono anche un rilevante fattore di mortalità diretta per molte specie di uccelli e mammiferi. Allo stesso tempo gli incidenti, che vedono coinvolte specie di altissimo valore conservazionistico, quali ad esempio il lupo...
DESCRIZIONE Le pratiche agricole intensive, l’espianto degli olivi secolari per scopi ornamentali, la mancata o insufficiente compensazione dei costi per la loro coltivazione, la limitata conoscenza del loro valore ambientale, la ridotta sensibilità al loro valore culturale, sono le minacce alle quali gli oliveti secolari sono esposti e che rappresentano il background del progetto. Gli oliveti secolari, gestiti con tecniche tradizionali a basso impatto ambientale, rappresentano un vero e...
DESCRIZIONE Un organismo geneticamente modificato (OGM) è un essere vivente che possiede un patrimonio genetico modificato tramite tecniche di ingegneria che consentono l’aggiunta, l’eliminazione o la modifica di uno o più geni talvolta proveniente da organismi anche molto diversi. Il rapido incremento delle superfici con piante geneticamente modificate (PGM) ha generato, in particolare in Europa, preoccupazioni circa i loro possibili effetti sulla salute umana e sull’ambiente. Una di esse...
DESCRIZIONE Nel 2008 il programma comunitario LIFE+ ha promosso la valutazione del possibile rischio ambientale derivante dalla coltivazione di Organismi Geneticamente Modificati (OGM) attraverso attività progettuali volte allo sviluppo di specifici sistemi di monitoraggio. In Italia, in quel periodo, si stava delineando un quadro legislativo per definire regole di coesistenza tra colture transgeniche, biologiche e tradizionali in adempimento dei vincoli comunitari e di quanto previsto dalla...
DESCRIZIONE Il Progetto  SOR.BA è stato elaborato con l’obiettivo di riqualificare le sorgenti di uno dei più importanti fiumi di risorgiva a livello europeo, il Bacchiglione in provincia di Vicenza, mediante il ripristino degli habitat originari e la riconversione naturalistica del sito utilizzato fino a pochi anni fa per l’allevamento ittico. Gli interventi hanno riguardato principalmente la ricostruzione del sistema idraulico antecedente alla realizzazione della piscicoltura, sulla...
DESCRIZIONE Il progetto LIFE SAVE THE FLYERS è stato realizzato in due aree dell’Italia centrale, l’area amiatina in Toscana meridionale e il Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi localizzato nella porzione centrale appenninica delle Marche. Si tratta di zone caratterizzate da una flora ricchissima, da cavità e grotte che ospitano pipistrelli e da una grande varietà di uccelli, fra cui molti rapaci. In Toscana sono stati coinvolti i SIC Cono Vulcanico del Monte Amiata...
DESCRIZIONE Il progetto SCI d’acqua si è posto l’obiettivo di migliorare lo stato di conservazione di alcune specie faunistiche di Interesse Comunitario legate ad ambienti acquatici (aree umide e corsi d’acqua) esposte a diverse  minacce nell’area alto-appenninica e nella piana intorno a Prato. L’acronimo scelto per l’iniziativa fa riferimento sia alle specie di Interesse Comunitario (Species of Community Interest=SCI), sia al fatto che tutte le specie-obiettivo individuate (pesci,...
DESCRIZIONE Il progetto LIFE MONTI DELLA TOLFA è stato finalizzato al recupero e la conservazione di alcuni habitat e specie, in particolare uccelli rari, a rischio di estinzione. L’iniziativa ha puntato anche a facilitare la coesistenza armoniosa tra attività umane e conservazione della natura, anche favorendo le pratiche tradizionali necessarie al mantenimento dell’ecosistema del comprensorio, nonché ad aumentare la consapevolezza di residenti e visitatori sull’importanza della...

LIFE

ANTIDOTO - Una nuova strategia contro l’avvelenamento dei grandi carnivori e dei rapaci necrofagi
ARCTOS - Conservazione dell’orso bruno: azioni coordinate per l’areale alpino e appenninico
ARUPA - Azioni urgenti di salvaguardia degli anfibi e rettili della Gravina di Matera
CENT.OLI.MED. - Identificazione e conservazione dell’alto valore naturale degli oliveti secolari nella regione mediterranea
CRAINat - Conservazione e recupero delle popolazioni di Austropotamobius nei siti della Rete Natura 2000
DEMETRA - Sviluppo di una metodologia per l’analisi dell’impatto ambientale degli OGM
DINAMO - Incremento della biodiversità a rischio di estinzione nelle aree agricole e seminaturali: un modello di gestione a finalità dimostrativa
ECORICE - Le risaie del Vercellese: programma integrato per la riqualificazione ambientale e la gestione sostenibile dell’agroecosistema risicolo
EX-TRA - Miglioramento delle condizioni per la conservazione dei grandi carnivori – Trasferimento delle migliori pratiche
GESTIRE - Sviluppo di una strategia per gestire la Rete Natura 2000 in Lombardia
LIFE MONTI DELLA TOLFA - Interventi urgenti di conservazione della natura nella ZPS e nei SIC dell’area Tolfetano-Cerite-Manziate
LIFE STRADE - Dimostrazione di un sistema per la gestione e prevenzione delle collisioni veicolari con la fauna selvatica
LIFE-GHOST- Tecniche per ridurre gli impatti delle reti fantasma e aumentare la biodiversità nelle aree costiere del Nord Adriatico
MAN-GMP-ITA - Valutazione e gestione del rischio per piante geneticamente modificate in aree protette e/o sensibili d’Italia
P.A.R.C. - Lampreda di mare e ripristino della continuità fluviale
PROVIDUNE - Conservazione e ripristino di habitat dunali nei siti delle Province di Cagliari, Matera, Caserta
Re.S.C.We. - Ripristino degli ambienti umidi della fascia costiera della Sentina
RESILFOR - Ricostituzione di boschi a dominanza di faggio con Abies alba nell’Appennino tosco-marchigiano
RICOPRI - Ripristino e Conservazione delle Praterie aride dell’Italia centro-meridionale
SAVE THE FLYERS - Misure per la conservazione della chirotterofauna e dell’avifauna nell’Italia centrale
SCI d’acqua - Miglioramento dello stato di conservazione delle Specie di Interesse Comunitario nell'area alto-appenninica e nella piana intorno a Prato
SOR.BA - Riqualificazione delle sorgenti del fiume Bacchiglione e degli Habitat della ZPS IT 3220013 e del SIC IT 3220040
> Vai al programma