7° programma quadro per la ricerca

7° programma quadro per la ricerca

Il Settimo Programma Quadro 2007-2013

Il Settimo Programma Quadro per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico (7PQ) 2007 – 2013 aveva l’obiettivo principale di consolidare lo Spazio Europeo della Ricerca (SER) aumentando gli investimenti pubblici e privati in progetti a carattere transnazionale e dal «valore aggiunto europeo» che producessero effetti  economici e sociali. Per realizzare tale obiettivo, la Commissione ha stanziato complessivamente 50.521 milioni di euro.

A seguito di un’ampia consultazione pubblica, il 7PQ che è stato notevolmente semplificato in modo da essere più accessibile ai ricercatori e più efficace, soddisfacendo le esigenze in termini di ricerca e di conoscenza dell’industria e più in generale delle politiche europee, è stato strutturato in quattro programmi principali:

1. Il programma Cooperazione (32.413 milioni di euro) mirava a rafforzare i legami tra l’industria e la ricerca in un quadro transnazionale, consolidando la leadership europea nei settori più importanti della ricerca, ovvero:

  • salute;
  • prodotti alimentari, agricoltura e biotecnologie;
  • tecnologie dell’informazione e della comunicazione;
  • nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di produzione;
  • energia;
  • ambiente, ivi compresi i cambiamenti climatici;
  • trasporti (ivi compresa l’aeronautica);
  • scienze socioeconomiche e scienze umane;
  • sicurezza e spazio.

In particolare, con un budget € 2.35 miliardi, la priorità tematica Energia aveva l'obiettivo di rendere maggiormente efficiente l'attuale sistema energetico, rafforzando nel contempo la competitività delle industrie europee, mentre la priorità tematica Ambiente, con dotazione di budget € 1.9 miliardi, era finalizzata, attraverso una sotto articolazione in 4 temi (Cambiamenti climatici, inquinamento e rischi, Gestione sostenibile delle risorse, Tecnologie ambientali, Osservazione della terra e strumenti di valutazione), a favorire una gestione sostenibile dell'ambiente e delle sue risorse mediante l'approfondimento delle conoscenze sulle interazioni tra clima, biosfera, ecosistemi e attività umane e lo sviluppo di nuove tecnologie, strumenti e servizi al fine di affrontare in modo integrato le questioni ambientali a livello mondiale.

  1. Il programma Idee (7. 510 milioni di euro) serviva ad incentivare, attraverso  il Consiglio europeo della ricerca, le ricerche di frontiera in Europa, al fine di rafforzare l’eccellenza della ricerca europea favorendo la concorrenza e l’assunzione di rischi.
  2. Il programma Persone ha mobilitato risorse finanziarie importanti (4.750 milioni di euro) per migliorare le prospettive di carriera dei ricercatori in Europa ed attirare un maggior numero di giovani ricercatori di qualità.
  3. Il programma Capacità (4.097 milioni di euro) ha fornito ai ricercatori degli strumenti efficaci per rafforzare la qualità e la competitività della ricerca europea, investendo nelle infrastrutture di ricerca delle regioni meno efficienti, nella creazione di poli regionali di ricerca e nella ricerca a vantaggio delle PMI.

Infine, il Settimo Programma Quadro ha finanziato le azioni dirette del Centro comune di ricerca (JRC) e le azioni previste dal programma quadro EURATOM (2.700 milioni di euro per il periodo 2007-2011) nei settori della ricerca sull’energia di fusione e della fissione nucleare e la radioprotezione.

Chi poteva partecipare

La partecipazione al Settimo Programma Quadro era aperta, applicando norme diverse  a seconda del tipo di iniziativa di ricerca, a un ampio ventaglio di soggetti: Università, centri di ricerca, ricercatori, grandi imprese, PMI, enti pubblici e singoli individui, organizzazioni internazionali e organizzazioni della società civile.

Risultati

La partecipazione italiana al 7PQ ha ottenuto finanziamenti per circa l’8,43% del budget stanziato (pari a 2.221 milioni di euro complessivi). Per quanto riguarda il programma Cooperazione, il numero delle proposte inviate alla Commissione è stato di circa 87.000 di cui 14.478 ammesse al finanziamento, con un rateo di successo medio del 16,6%. Per quanto riguarda i progetti ammessi a negoziazione, il numero dei partecipanti del nostro Paese si è posizionato al 4° posto dopo Germania, Regno Unito e Francia, con un rateo di successo (13,4%) al di sotto della media dei paesi UE (17,9%). Nelle proposte presentate l’Italia, è con 5.434 la nazione con il maggior numero di coordinatori: tuttavia, il tasso di successo del coordinamento italiano (12,3%) è distante dalla media europea che si attesta al 16%. Per quanto riguarda, in particolare, il tema Ambiente, il trend ha fatto registrare una forte presenza di proposte a coordinamento italiano, con un tasso di successo del 10,2%.  Rispetto ai finanziamenti ottenuti nel 6PQ è cresciuta, ad ogni modo, tanto per i progetti di “Energia”, quanto per quelli di “Ambiente”, la percentuale italiana di finanziamento che si è attestata nel primo caso sul 9,55% (+ 4,32 % rispetto al 6PQ), mentre nel secondo al 7,89% (+1,44% rispetto al 6PQ).

Link

http://ec.europa.eu/research/fp7/index_en.cfm

DESCRIZIONE L’obiettivo del progetto EGIDA è stato quello di promuovere le attività dell’iniziativa intergovernativa GEO (Group on Earth Observation) stimolando il coinvolgimento di un numero sempre maggiore di stakeholder e utenti di comunità scientifiche e tecnologiche (centri di ricerca, agenzie nazionali ed internazionali, imprese) nell’accesso e nella fornitura di dati e informazioni attraverso il Global Earth Observation System of Systems (GEOSS), nonché nelle attività di avanzamento...
DESCRIZIONE È sempre più importante avere a disposizione dati ed osservazioni sul ciclo del carbonio ed altri gas serra, quali il metano (CH4), per comprendere la situazione attuale, prevedere le tendenze future (incluse le possibili conseguenze), proporre ed attuare le misure di mitigazione necessarie a ridurre le emissioni o aumentarne gli assorbimenti e limitarne le conseguenze tramite l’adattamento al cambiamento climatico. Nonostante i recenti ed importanti progressi, permangono...
DESCRIZIONE La capacità di gestire il rischio in aree costiere e la necessità di aumentare la resilienza all’erosione ed all’inondazione costiera richiedono un approccio olistico, partecipato ed interdisciplinare. Le soluzioni messe a punto dagli specialisti vanno contestualizzate nelle comunità locali, considerate le condizioni economiche, sociali e culturali, e devono tenere conto dell’innalzamento medio del mare e degli effetti dei cambiamenti climatici. Proprio in questa prospettiva...
DESCRIZIONE Tramite un approccio multidisciplinare, il progetto WASSERMed ha analizzato il bilancio idrologico attuale e futuro nel Sud Europa, in Nord Africa e nel Medioriente in un quadro di rischio per la sicurezza nazionale e sociale. Tale analisi ha incluso la determinazione di variazioni dei flussi medi, frequenza e dimensione di eventi di precipitazione estremi, ruscellamento, bilancio idrico a livello di falda, così come fattori sociali ed economici quali i cambiamenti nei flussi...
DESCRIZIONE I combustibili fossili nel loro complesso rappresentano più dell'85% delle fonti di energia primaria nel mondo. Questi carburanti presentano grandi problemi quali la loro disponibilità limitata, anche in termini geografici, le variazioni del loro prezzo in relazione a diverse e non prevedibili cause e, dal punto di vista ambientale, le emissioni di gas a effetto serra. D’altro canto, nei paesi mediterranei vi è una grande disponibilità di residui derivanti dalla coltivazione...
DESCRIZIONE Il Progetto CLIM-RUN (2011-2014) ha avuto come principale obiettivo quello di definire un protocollo di comunicazione attraverso il quale le informazioni climatiche sono trasferite dai ricercatori ai soggetti interessati al fine di sviluppare misure di adattamento adeguate applicando i più recenti strumenti di modellistica numerica allo sviluppo di informazioni climatiche utilizzabili da ampi strati della società a livello regionale e locale (decisori politici, amministrazioni...
DESCRIZIONE Il progetto ROUTES è stato indirizzato a mettere a punto soluzioni tecniche innovative per il trattamento dei fanghi urbani, che rappresenta un problema diffuso degli impianti di depurazione. Sono stati identificati 10 scenari di riferimento (2 per impianti di potenzialità inferiore a 20.000 A.E., 4 per impianti di potenzialità compresa tra 20.000 e 100.000 A.E. e  4 per impianti di potenzialità superiore a 100.000 A.E.) che sono stati confrontati con altrettanti scenari...
DESCRIZIONE Sempre più urgente è il problema del degrado del patrimonio culturale esposto all’esterno, a causa del peggioramento dell’alterazione ambientale in seguito ai cambiamenti climatici e all’inquinamento atmosferico (come evidenziato e ampiamente studiato in diversi progetti europei, tra cui VIDRIO, TeaCH e NOAH’S ARK), all’uso improprio di prodotti commerciali e al loro invecchiamento e, non ultima, ad una gestione non sostenibile del patrimonio costruito. Il progetto NANOMATCH ha...
DESCRIZIONE Perché le conoscenze (scientifiche) acquisite soprattutto in questi ultimi decenni sui rischi naturali non si sono tradotte in politiche e strategie di prevenzione efficaci, tali da ridurre i danni e le vittime? A questa domanda ha cercato di dare una risposta il progetto Know-4-drr, evidenziando fin dal principio che in realtà non si tratta di trasferire conoscenze da un ambito (quello scientifico) ad un altro (quello del governo e della pubblica amministrazioni), ma piuttosto...
DESCRIZIONE Negli ultimi anni si sta assistendo ad una crescita della domanda di prodotti e servizi qualificati dal punto di vista della sostenibilità ambientale. Questo bisogno può essere soddisfatto solo considerando la sostenibilità già durante il processo di progettazione. È infatti risaputo che le decisioni prese in fase progettuale hanno un effetto significativo sugli impatti ambientali dell’intero ciclo di vita del prodotto. Si stima che ben l’80% degli impatti ambientali di un...