Progetto

LIFE SEC ADAPT - Promuovere e aggiornare il modello della “Comunità per l’Energia Sostenibile" (SEC) verso l’iniziativa Mayors Adapt pianificando strategie di adattamento al cambiamento climatico.

LIFE SEC ADAPT - Promuovere e aggiornare il modello della “Comunità per l’Energia Sostenibile" (SEC) verso l’iniziativa Mayors Adapt pianificando strategie di adattamento al cambiamento climatico.

LOGO SEC ADAPT

LIFE SEC ADAPT - Promuovere e aggiornare il modello della “Comunità per l’Energia Sostenibile" (SEC) verso l’iniziativa Mayors Adapt pianificando strategie di adattamento al cambiamento climatico.

 

DESCRIZIONE

La Regione Marche e la Regione Istriana croata presentano condizioni territoriali e climatiche simili: le aree interne sono caratterizzate da montagne e colline che scendono verso la costa; entrambe le regioni hanno rilevante estensione nella zona costiera, dove si trovano le principali infrastrutture urbane e produttive. Considerando le caratteristiche dei territori marchigiani ed istriani, i principali impatti attesi dei cambiamenti climatici riguardano i settori chiave delle zone costiere, del sistema idrogeologico, delle infrastrutture e dell’economia. In ragione di tali considerazioni, attraverso il progetto LIFE SEC ADAPT, i Comuni coinvolti hanno puntato a fornire una risposta alle problematiche determinate dai cambiamenti climatici, aumentando la resilienza dei propri territori.

I partner di Progetto italiani e croati sono stati già attivamente impegnati per la mitigazione del cambiamento climatico grazie all’implementazione del proprio Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES), avvenuta grazie all’adesione all’Iniziativa europea “Patto dei Sindaci” ed allo sviluppo della Comunità per l’Energia Sostenibile (SEC) nelle due Regioni, come risultato nell’ambito del progetto CITY_SEC (finanziato dal programma Intelligent Energy Europe – IEE). Con questa strategia, i partner hanno identificato le attività necessarie per contribuire alla riduzione delle emissioni di gas serra entro il 2020.

Partendo da queste premesse, il Progetto LIFE SEC ADAPT si è focalizzato sull’adozione e sull’aggiornamento del modello e dell’approccio partecipativo SEC, al fine di migliorare le strategie di gestione degli effetti del cambiamento climatico degli Enti Locali coinvolti con il coordinamento delle autorità e delle Agenzie di Sviluppo Regionali. In questo contesto, uno degli obiettivi principali è stato il miglioramento della governance climatica, attraverso lo sviluppo di una Strategia di adattamento integrata con altre attività di pianificazione tra cui, in primo luogo, il PAES. Tali azioni sono state finalizzate ad aumentare la resilienza locale ai cambiamenti climatici anche mediante l'adesione e la partecipazione attiva al nuovo Patto dei Sindaci per il clima ed energia (l’iniziativa europea Mayor Adapt). In quest’ottica, l’implementazione del progetto LIFE SEC ADAPT è stata strettamente connessa con il Progetto EMPOWERING di Sviluppo Marche (SVIM ) finanziato dal Programma HORIZON 2020 e presente nella Piattaforma delle Conoscenze, volto a migliorare le capacità delle Autorità Locali per la definizione di strategie energetiche sostenibili.

LIFE SEC ADAPT ha inoltre previsto il trasferimento di buone pratiche per lo sviluppo di una strategia di adattamento locale attraverso un processo metodologico integrato e partecipato. Il processo ha riguardato in particolare la condivisione dell’esperienza e delle metodologie sviluppate e implementate durante il Progetto LIFE ACT del Comune di Ancona. I Comuni partner di LIFE ACT hanno difatti contributo al trasferimento delle conoscenze acquisite ai Comuni partecipanti al progetto LIFE SEC ADAPT senza esperienza nel processo di adattamento ai cambiamenti climatici ed appartenenti alla stessa area geografica e climatica (Mediterraneo).

 

LE FASI DEL PROGETTO

Il Progetto LIFE SEC ADAPT è stato sviluppato attraverso le seguenti fasi ed azioni principali:

  • Istituzione dei “Gruppi di lavoro” e definizione dei contesti climatici di riferimento: durante questa fase, ogni Comune ha istituito un Gruppo di lavoro per l’adattamento ai cambiamenti climatici (Climate Change Adaptation Team - CCAT) composto da rappresentanti politici e tecnici, al fine di garantire un approccio multilivello e intersettoriale alle questioni relative ai cambiamenti climatici. Tutti i partner hanno collaborato alla definizione di una metodologia di riferimento comune che ha portato alla definizione dei contesti climatici di riferimento (n.17 a livello locale e n. 2 a livello regionale).
  • Coinvolgimento delle comunità e scambio di buone pratiche verso gli obiettivi dell’iniziativa Mayors Adapt: le Agenzie Regionali SVIM e IDA (Istria Development Agency) hanno organizzato regolarmente Tavoli Tematici (TT) su più ampia scala territoriale al fine di sostenere la definizione delle strategie di adattamento climatico dei Comuni attraverso un approccio multilivello e intersettoriale. I TT hanno agito come uno strumento trasversale per un’efficace finalizzazione della valutazione dei rischi e delle vulnerabilità, nonché per l'elaborazione dei piani di adattamento climatico locale. In questa fase sono state inoltre organizzate attività di rafforzamento delle capacità dei partecipanti al Progetto attraverso lo scambio di buone pratiche nell’ambito dell’adattamento ai cambiamenti climatici..

Tutte le Municipalità coinvolte nel Progetto (n.6 in Istria e n.12 nelle Marche) hanno finalizzato l’adesione all’iniziativa Mayors Adapt.

  • Analisi e valutazione dei rischi e delle vulnerabilità: questa ha previsto l’adattamento della metodologia per la valutazione dei rischi e delle vulnerabilità definita durante il Progetto LIFE ACT al fine di sviluppare la valutazione dei rischi e delle vulnerabilità a livello locale e regionale. Dopo la raccolta di tutti i dati pertinenti e la definizione degli indicatori finali di esposizione, sensibilità e capacità adattativa, tutti i Comuni hanno redatto un rapporto di valutazione dei rischi e delle vulnerabilità a livello locale sulla base di un indice comune fornito da IDA, definendo una  panoramica dei più importanti settori di intervento della strategia di adattamento locale. La stessa metodologia è stata utilizzata per la valutazione delle vulnerabilità e dei rischi a livello regionale.
  • Adozione delle strategie e dei piani locali di adattamento ai cambiamenti climatici attraverso l’integrazione con i Piani d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES): SVIM, nel suo ruolo di coordinatore del progetto EMPOWERING (Horizon 2020), ha coinvolto i Comuni partecipanti nell’aggiornamento dei PAES (redatti con riferimento agli obiettivi prefissati a 2020) agli obiettivi UE 2030, supportando le autorità locali nella costruzione di una visione integrata sia per la mitigazione che per l’adattamento ai cambiamenti climatici;
  • Sviluppo e test di un sistema di monitoraggio dei dati climatici ed energetici, che ha incluso la creazione di un’applicazione open source per il monitoraggio dei dati che rispondesse alle specifiche esigenze delle municipalità coinvolte nel Progetto. L'applicazione open source si basa sullo strumento di monitoraggio del Patto dei Sindaci, facilitando la trasferibilità dei risultati del Progetto attraverso l'utilizzo di uno strumento valido a livello dell'UE;
  • Monitoraggio dell’impatto delle azioni di Progetto e realizzazione di campagne di comunicazione e sensibilizzazione.

 

RISULTATI RAGGIUNTI

Grazie al Progetto LIFE SEC ADAPT, è stata aumentata la consapevolezza di oltre 200 decisori locali e regionali sull'importanza e sull'urgenza di adottare strategie di adattamento ai cambiamenti climatici, anche grazie ad attività di rafforzamento delle capacità per tutti i partner al fine di ridurre il divario nella conoscenza degli amministratori locali e regionali sulle vulnerabilità ed i rischi dei territori. Le attività di Capacity Building svolte nell’ambito del progetto sono riassunte nel Final report: Capacity Building Assesment.

18 Comuni hanno aderito al Patto dei Sindaci, impegnandosi a presentare un piano di adattamento climatico locale attraverso l'integrazione del PAES.

Tutti i partner di progetto hanno collaborato alla stesura di metodologie a supporto delle strategie di adattamento ai cambiamenti climatici ed in particolare:

Il progetto ha inoltre portato allo sviluppo di uno specifico tool open source per il monitoraggio dei dati climatici ed energetici.

Tema 
Beneficiario coordinatore 
Sviluppo Marche SpA (SVIM)
Contatti 
Lucia Catalani
Budget 
3.213.785
Contributo EU 
1.928.225
Anno Call 
2014
Anno di inizio 
2015
Anno di chiusura 
2019