Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/CE)

28 Settembre - Il programma LIFE svolge un ruolo importante nella salvaguardia dei mari e degli oceani. Numerosi sono a tal fine i progetti cofinanziati per la tutala dell’ambiente marino (circa 120), che hanno mobilitato quasi 320 milioni di euro, compreso il contributo UE di 170 milioni di Euro. Le soluzioni sviluppate possono essere trasferite e replicate in tutta Europa. Inoltre, va evidenziato che con i progetti LIFE è stato adottato un approccio integrato che ha creato importanti...
  DESCRIZIONE  La gestione sostenibile delle risorse idriche costituisce un aspetto chiave per la sostenibilità e la compatibilità ecologica degli insediamenti umani, in particolare nelle aree rurali. ECOMAWARU, in linea con “il buon stato ecologico”, obiettivo previsto dalla Direttiva Quadro sulle Acque (200/60/CE),  ha avuto lo scopo di testare un modello di gestione del ciclo integrato delle acque in area rurale (acque piovane, di scarico dei borghi e delle case sparse)...
  DESCRIZIONE La crescita della popolazione e l’intensificarsi del processo di urbanizzazione hanno portato ad un aumento della domanda di acqua potabile nei centri urbani, dove la quantità disponibile è sempre più sfruttata e soggetta ad esaurimento. La percezione generale del problema non è però adeguata a causa di informazioni carenti e di difficile accesso o di una scarsa sensibilizzazione in materia. In tale contesto generale, il progetto WIZ ha avuto come obiettivo la...
  DESCRIZIONE Il problema dell’eutrofizzazione delle acque superficiali dovuta all’eccesso di nutrienti di origine diffusa rappresenta uno dei maggiori impedimenti al raggiungimento degli obiettivi di qualità stabiliti dalla Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/CE) a livello europeo. Nell’Agro Pontino (Lazio) il problema è stato segnalato come prioritario dal Piano di Tutela delle Acque del Lazio già nel 2007. In tale contesto, il progetto REWETLAND ha avuto come obiettivo il...
  DESCRIZIONE Il progetto AQUOR è stato concepito come un’azione dimostrativa volta a favorire l’inversione dell’attuale trend di sovrasfruttamento delle risorse idriche sotterranee e incrementare il tasso di ricarica idrogeologica degli acquiferi, con lo scopo di riequilibrare le falde dell’Alta Pianura Vicentina e di garantirne un uso sostenibile. L’area di intervento progettuale si caratterizza per un importante patrimonio idrico sotterraneo, che costituisce la fonte di...