Rapporto AEA sull'adattamento ai cambiamenti climatici: i Paesi europei valutano vulnerabilità e rischi

03 Maggio - L'Agenzia europea dell'ambiente (AEA) ha pubblicato un nuovo rapporto dal titolo “National climate change vulnerability and risk assessments in Europe 2018”. Nel documento sono state analizzate le valutazioni fatte dai Paesi dell’Area Economica Europea (AEE) sulla vulnerabilità e i rischi derivanti dai cambiamenti climatici e su come questi Paesi hanno deciso di utilizzare le informazioni ottenute per sviluppare politiche e strategie di adattamento. Sono , inoltre, state evidenziate alcune lacune rispetto alle attuali conoscenze e valutazioni su come gli eventi climatici fuori dall’Europa possono influenzare il vecchio continente, attraverso ad esempio: le relazioni commerciali, i flussi idrici transfrontalieri o i migranti climatici. Inoltre, è stata sottolineata l’importanza del dialogo con i principali stakeholder dei settori più esposti ai cambiamenti climatici, come l’agricoltura, la pesca, la pianificazione territoriale, al fine di  migliorare i risultati delle valutazioni e favorire l’adozione di adeguate politiche di adattamento. Nello specifico, il rapporto è stato basato su un’indagine sulla vulnerabilità e i rischi derivati dal cambiamento climatico che è stata completata da 24 dei 33 Paesi membri dell’AEE, mentre le informazioni per gli altri Stati sono state ricavate dalla Piattaforma europea Climate-ADAPT e da altre fonti di informazione.

Il rapporto costituisce, in sintesi, uno strumento utile per una maggiore comprensione dei fenomeni climatici da parte di esperti e responsabili coinvolti nelle politiche e strategie di adattamento.

Per maggiori approfondimenti clicca qui