Pubblicato il bando sul sito del MATTM per progetti di Educazione ambientale

14 Dicembre - Il Ministero dell’ambiente, in virtù del protocollo di intesa firmato con il Ministero dell’istruzione dell’università e della ricerca il 6 dicembre 2018 ha pubblicato un bando finalizzato a selezionare un gruppo di proposte di attività di educazione ambientale. I progetti presentati dovranno favorire la realizzazione, prioritariamente nei territori di pertinenza dei 24 parchi nazionali, di interventi in materia di educazione, comunicazione ambientale e sviluppo sostenibile nell’ambito di tre aree tematiche di intervento qualità dell’aria ed energia pulita, valorizzazione della biodiversità, raccolta differenziata dei rifiuti e lotta alle ecomafie. Tali attività saranno realizzate da associazioni riconosciute operanti nel settore della tutela ambientale e della promozione di corretti stili di vita, che vedranno il coinvolgimento delle scuole primarie, delle scuole secondarie di primo e secondo grado avvalendosi anche della collaborazione dell’I.S.P.R.A. o del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri o del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera.

Sono ammesse a partecipare alla procedura concorsuale le associazioni di protezione ambientale a carattere nazionale o presenti in almeno 5 regioni di cui all’art. 13 della legge n. 349/1986 riconosciute dal MATTM, tali associazioni dovranno presentare la proposta obbligatoriamente in collaborazione con uno o più istituti scolastici, che abbiano una delle proprie sedi nei territori ricadenti in uno dei 24 parchi nazionali. Il Bando ha una dotazione finanziaria di 800.000,00 Euro resi disponibili dal Ministero dell’ambiente e di 500.000,00 Euro resi disponibili dal Ministero dell’istruzione dell’università e della ricerca, qualora le risorse del MATTM non siano sufficienti a finanziare i progetti che si collocheranno in posizione utile nella graduatoria di merito. Le proposte progettuali devono pervenire al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare entro le ore 11,00 del 20 gennaio 2019.

Per maggiori informazioni clicca qui