Presentata la Guida alle misure del Piano nazionale Industria 4.0

Piano nazionale Industria 4.022 Febbraio - È stato pubblicato il 7 febbraio dal Ministero dello Sviluppo Economico il documento che descrive gli strumenti attuativi per la realizzazione degli investimenti, delle infrastrutture, delle competenze di ricerca previste nel Piano Nazionale Industria 4.0.
Il Piano Nazionale Industria 4.0 si aggancia alle linee guida sullo sviluppo tecnologico contemplate nelle Strategie di specializzazione intelligente (S3), e prevede misure concrete di intervento che si basano su 4 direttrici strategiche.

• stimolare l’investimento privato nell’adozione delle tecnologie abilitanti dell’Industria 4.0 e aumentare la spese in ricerca, sviluppo e innovazione.
• assicurare adeguate infrastrutture di rete, garantire la sicurezza e la protezione dei dati, collaborare alla definizione di standard di interoperabilità internazionali.
• creare competenze e stimolare la ricerca mediante percorsi formativi ad hoc.
• diffondere la conoscenza, il potenziale e le applicazioni delle tecnologie Industria 4.0 e garantire una governance pubblico-privata per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

La Guida alle misure del Piano Industria 4.0 consente agli stakeholders di approfondire la conoscenza degli strumenti finanziari previsti per l’implementazione delle soluzioni tecnologiche incluse nel Piano Nazionale.
Oltre alla descrizione degli strumenti attuativi, è presente all’interno della Guida una sezione dedicata all’approfondimento tecnico degli strumenti. Ogni misura è trattata in una scheda per punti che riassume l’utilità, i vantaggi, gli incentivi il target a cui si rivolge, e le modalità di accesso.

Le misure sviluppate all’interno della Guida sono le seguenti:

  • Iperammortamento e Superammortamento sono strumenti adatti a supportare e incentivare le imprese con sede fiscale in Italia, incluse quelle individuali, che investono in beni strumentali nuovi e in beni materiali e immateriali (software e sistemi IT) funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi. Le imprese che beneficeranno dell’iperammortamento avranno una supervalutazione degli investimenti del 250% su dispositivi e tecnologie abilitanti e del 140% per il superammortamento.
  • Credito all’innovazione (Nuova legge Sabatini), misura sviluppata per le piccole e medie imprese che intendono rinnovarsi acquistando moderne tecnologie digitali avvalendosi di un contributo a parziale copertura degli interessi pagati su finanziamenti di importo tra 20mila e 2 milioni di euro, concessi da banche convenzionate con il MISE. Il calcolo viene fatto in base a un piano di ammortamento di 5 anni con tassi del 2,75% annuo e maggiorato del 30% per investimenti in tecnologie Industria 4.0.
  • Credito d’Imposta R&S in ricerca e sviluppo che passa dal 25% al 50%, inoltre sono previste detrazioni per le start up fino al 30%.

Oltre alle misure sopra elencate, tra gli strumenti incentivanti del pacchetto sono stati inseriti nella Guida il Patent box: che prevede un regime opzionale di tassazione  favorito per i redditi derivanti dall’ utilizzo di opere d’ingegno; norme e regimi fiscali di favore per Startup Innovative e PMI innovative; il Fondo di Garanzia per sostenere l’accesso delle PMI alle fonti finanziarie che prevedono una garanzia; una riduzione delle aliquote Ires e Irap su redditi da beni industriali; detrazioni per investimenti in capitale di rischio; incremento del salario di produttività.

Per maggiori informazioni:
www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/documenti/guida_industria_40.pdf
www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/industria40