Il 21 novembre è la Giornata nazionale degli alberi e dei boschi

18 Novembre - Celebrare gli alberi come riconoscimento per l’enorme valore che rivestono per le nostre vite e per l’intero pianeta. Il 21 novembre è la Festa nazionale degli alberi, giornata celebrativa che affonda le radici nelle cerimonie delle culture antiche dei popoli orientali, celtici, greci e romani che attribuivano ai boschi un potere sacrale. Gli alberi assorbono l’anidride carbonica, proteggendoci dall’inquinamento atmosferico, restituendo in cambio ossigeno e carbonio organico necessari per gli organismi viventi, oltre che frutti e legno. La cementificazione urbana e la deforestazione agricola rappresentano le minacce più gravi a cui gli alberi sono sottoposti. La loro salvaguardia, oggi più mai, si impone come necessaria nella lotta ai cambiamenti climatici e al dissesto idrogeologico.  Nell’era moderna fu istituita per la prima volta negli Stati Uniti nel 1872 a partire dallo stato del Nebraska seguito rapidamente da quasi tutti gli altri stati americani. In Italia il ministro della Pubblica Istruzione, Guido Bacelli, sull’esempio statunitense, promosse fra i giovani l’amore e il rispetto degli alberi. La Festa degli alberi si impone come ricorrenza nazionale con la legge forestale del 1923. Quest’anno il Ministero dell’Ambiente festeggerà la Giornata Nazionale degli alberi e dei boschi italiani il 21 novembre con una serie di iniziative in collaborazione con l’Associazione forestale italiana.