CLIMA: 25-26 FEBBRAIO MEETING AL MINISTERO DELL’AMBIENTE, SOLUZIONI DA BUONE PRATICHE

13 febbraio 2020Linea LQS di “Mettiamoci in RIGA” mette a confronto amministrazioni regionali, esperti e referenti progetti su azioni di mitigazione, adattamento, gestione del rischio e finanza green. Il Ministero dell’Ambiente, attraverso il progetto Mettiamoci in RIGA (linea LQS), organizza un “Platform meeting” di due giorni (martedì 25 e mercoledì 26 febbraio) dedicato ad approfondire con le Regioni obiettivi e risposte per migliorare la governance ambientale nel delicato e trasversale tema del “climate change”. A due mesi dalla conclusione della Cop25 di Madrid, l’evento sarà focalizzato sulle azioni di contrasto ai cambiamenti climatici e sulle soluzioni che guardano alla replicazione sul territorio di buone pratiche già esistenti in tema di mitigazione, adattamento, gestione del rischio e di una finanza “verde”. 

Il programma del Platform Meeting “il Clima che Cambia” prevede una prima giornata presso l’Auditorium del Ministero dell’Ambiente, aperta dal Capo Dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi (DITei) Mariano Grillo e articolata in cinque sessioni, ognuna dedicata a un tema specifico e scandita dalla presentazione di progetti e  buone pratiche, alcune delle quali già presenti sulla Piattaforma delle Conoscenze, portale collegato a quello del Ministero che raggruppa oltre 130 progetti realizzati sul territorio italiano grazie ai finanziamenti dei programmi comunitari di riferimento per l’Ambiente e il Clima. 

Si parlerà dunque del quadro attuale e degli scenari futuri, del ruolo svolto dal settore agricolo e forestale, di mitigazione, adattamento (con un focus su Bologna e Milano città resilienti), gestione del rischio e strumenti finanziari. Arricchiranno la giornata i contributi dei rappresentanti di Regioni e Comuni, dei referenti delle buone pratiche, ma anche di esperti di Agenzie Europee come l’EASME (Agenzia per le Medie e Piccole Imprese) e l’EEA (Agenzia Europea dell’Ambiente), del Centro Euromediterraneo sui cambiamenti climatici, di Enea e CREA.

La seconda giornata, programmata al Polo Formativo di Roma (via Cristoforo Colombo 116), prevede cinque tavoli di lavoro paralleli per sviluppare ulteriormente alcuni argomenti specifici, anche attraverso l’esempio rappresentato dall’efficacia di alcune buone pratiche realizzate in Italia. Verranno così discussi, anche attraverso il contributo di referenti dei progetti, enti locali e di ricerca, temi quali la pianificazione regionale e locale per la riduzione delle emissioni, il contributo del settore agricolo e forestale nelle politiche di mitigazione e adattamento, la partnership pubblico-privato per la riduzione e compensazione delle emissioni, le informazioni climatiche e la gestione dei rischi legati ai cambiamenti del clima, le “Nature Based Solutions” quali strumenti di adattamento delle aree a rischio idro meteorologico nell’ambiente urbano. Le risultanze dei tavoli verranno infine sintetizzate nella plenaria conclusiva.

Dopo i seminari pluriregionali e le prime visite di studio che hanno coinvolto le amministrazioni regionali su alcune buone pratiche, il Platform Meeting "Il Clima che cambia" è il primo incontro tematico di approfondimento previsto dalla linea d'intervento LQS "Piattaforma delle Conoscenze - Capitalizzazione delle esperienze e disseminazione dei risultati per la replicabilità di buone pratiche per l'Ambiente e il Clima" di "Mettiamoci in RIGA", progetto a valere sul “PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020” che vede Sogesid nel ruolo di soggetto attuatore per il Ministero dell’Ambiente